Ranking di Airbnb

7 strategie per migliorare il tuo posizionamento sulla piattaforma

Vuoi migliorare la tua visibilità sulla piattaforma? Non tutti sanno che le ricerche su Airbnb funzionano un po’ come per il ranking di Google. I guest ricercano l’alloggio sul motore di ricerca della piattaforma e i primi risultati sono quelli che più rispondono ai loro desideri. Pensaci: quando cerchi qualcosa su Google scorri tutte le pagine di ricerca che ti propone, oppure ti limiti a visionare le prime 2-3? Lo stesso accade su Airbnb. Se il tuo annuncio è in cima alla lista, è ovvio che hai molte più chance di ottenere una prenotazione e aumentare i tuoi guadagni.

Ma come fare ad apparire tra le prime proposte? Non esistono scorciatoie o trucchi speciali per farlo. Bisogna impegnarsi tanto e lavorare con costanza per puntare in alto. SweetGuest ti svela 7 strategie per avere annunci sempre in vetta.

ranking

1. Lavora sull’annuncio

Su Airbnb gli annunci che hanno maggiore successo sono quelli più completi e trasparenti. Questo perché, come Google, la piattaforma propone in cima quegli annunci che più corrispondono ai criteri di ricerca degli utenti. Pertanto, descrivi con cura i tuoi spazi, offri dettagli e informazioni chiare e puntuali. Spiega quali sono gli elementi e le caratteristiche che li rendono unici. Usa un titolo e una descrizione accattivante. E poi le foto. Devono essere di qualità, per valorizzare al meglio il tuo immobile. Non a caso, noi di SweetGuest offriamo ai nostri host uno shooting fotografico professionale gratuito con cui attirare l’attenzione degli utenti e migliorare la visibilità del tuo annuncio.

2. Rispondi velocemente

Uno degli elementi che la piattaforma monitora, con lo scopo di migliorare i servizi che offre, è il tasso di risposta dell’host. Infatti, è anche uno dei fattori che contribuiscono all’assegnazione dello status di superhost, che certifica gli host esperti. Lo scopo è quello di rendere il servizio più rapido ed evitare che un utente aspetti invano la risposta ad una richiesta di prenotazione, preferendo ricorrere ad altri canali. Non a caso, l’host che non risponde entro 24 ore viene penalizzato. Vuoi conoscere il tuo tasso di risposta? Basta cercare sul sito di Airbnb la sezione “Statistiche”. Se il tasso è vicino al 100% significa che sei sulla buona strada. Altrimenti hai bisogno di lavorarci su. Una buona strategia è quella di scaricare l’app di Airbnb sul tuo smartphone. In questo modo puoi rispondere in tempo reale alle richieste dei tuoi potenziali ospiti, anche se non hai un pc a portata di mano.

3. L’importanza delle buone recensioni

Sempre nell’ottica di offrire un servizio impeccabile ai guest, la piattaforma invita host e guest a lasciare commenti e recensioni sull’esperienza vissuta. Sono fondamentali per valutare se gli host stanno procedendo nella giusta direzione, in modo da garantire il meglio. L’algoritmo tiene pertanto in considerazione anche le recensioni e, maggiori saranno quelle positive, più avrai chance di essere posizionato tra i primi risultati. Qui SweetGuest ti offre qualche trucco per ottenere recensioni a cinque stelle. Un esempio? Contatta l’ospite qualche giorno prima dell’arrivo e chiedigli se ha delle richieste specifiche da farti. Oppure offrigli dei servizi aggiuntivi, come la possibilità di guardare un buon film su Netflix.

4. Aggiorna il tuo calendario

Airbnb ti mette a disposizione un calendario sul quale puoi segnare le date delle varie prenotazioni che avrai durante l’anno.  Gli host più bravi, quelli con un numero più alto di soggiorni all’attivo, lo controllano e lo aggiornano con costanza. L’algoritmo di Airbnb tiene conto di questo aspetto, che diventa uno degli elementi che contribuisce ad aumentare sensibilmente la visibilità del tuo annuncio e posizionarlo in alto nel ranking.

ranking airbnb

5. Entra nelle wish list

I guest possono creare delle liste dei desideri all’interno delle quali inserire gli annunci che ritengono più interessanti. Basta cliccare sul pulsante “Salva nelle Wish List” indicata dall’icona a forma di cuore, per inserire un’offerta all’interno di una wish list esistente o crearne una nuova.  Questo aiuta l’utente a fare una scrematura in una fase preliminare, prima di scegliere l’alloggio a cui inviare la sua richiesta di prenotazione. Per un host, è doppiamente importante essere nelle wish list degli utenti perché, oltre che aumentare le possibilità di prenotazioni, aiuta a posizionarsi meglio nel ranking. Come fare? Non si tratta di fortuna. Lavora sulla qualità dell’annuncio (dalle descrizioni alle fotografie) e dei servizi che offri così da attirare l’attenzione degli utenti.

6. Conquista la loro fiducia

Questa regola vale soprattutto se ti registri come nuovo host su Airbnb. Assicurati di aggiungere il tuo numero di telefono e la possibilità di verificare il tuo documento di identità. Per rassicurare ancora di più i tuoi ospiti potenziali, associa al tuo account il tuo profilo Facebook: è un’ottima strategia per dimostrare che sei una persona affidabile e che non hai nulla da nascondere.

7. Fai attenzione al prezzo

Anche se il prezzo non viene considerato dall’algoritmo dovrai, tuttavia, fare molta attenzione quando lo stabilisci. Un prezzo troppo alto ti porterà meno ospiti, e di conseguenza meno recensioni (oltre che meno guadagni!). Questo finirà per penalizzarti nel posizionamento delle ricerche. Al contrario, un prezzo troppo basso genererà introiti molto inferiori rispetto a quelli di altri host Airbnb. Una soluzione per individuare il prezzo giornaliero ottimale? Contattaci. Abbiamo messo a punto un software che analizza annunci simili al tuo, per localizzazione e caratteristiche dell’immobile. In questo modo ti garantiamo un prezzo giornaliero appropriato e competitivo sul mercato.